ssf chiaro cost chiaro GAS chiaro ombra chiaro pulse chiaro monday screen chiaro physis chiaro urban seeds chiaro 

Seguiteci!

Twitter bird logo facebook logo small 

La nostra Rete:

Logo SdS piccolo

ReteTrans

LinkTrans

 

A Padova lavoriamo
con:

legambiente trasparente 

karibu 

anteros

adi

arci

Greenpeace

cam

Il 4 dicembre 2014 si è tenuta l’annuale assemblea soci dell’Associazione Studenti Universitari.

Un’assemblea molto importante, da un lato perchè abbiamo voluto fosse un momento per celebrare i nostri 30 anni, dall’altro perchè si è trattato di un’occasione per ridefinire quello che deve essere il nostro ruolo nel sempre più difficile contesto cittadino che si sta delineando.

La Presidente uscente Marina Molinari nella sua relazione ha presentato le attività dell’associazione, in particolar modo quelle svolte negli ultimi anni.

L’attenzione è stata posta sulla capacità acquisita negli anni dall’Associazione di riuscire a concretizzare i propri valori attraverso tutte le sue azioni e sulla maturità da essa raggiunta, non solo nella gestione e organizzazione di attività di vario genere, da quelle culturali a quelle a carattere mutualistico, ma nella consapevolezza di avere ormai tutte le carte in regola per riuscire a porsi come attore protagonista e interlocutore privilegiato per molti sulla scena cittadina.

La presidente uscente nel suo discorso ha ricordato anche come l’Associazione negli ultimi due anni sia stata in grado crescere, tenendo sempre ben saldo lo sguardo verso quell’orizzonte di pensiero verso il quale da 30 anni ci dirigiamo.

Questa crescita è sicuramente dimostrata anche dalla capacità acquisita di aprire spazi di dialogo con tutti i soggetti che agiscono e operano nel contesto cittadino, dalle istituzioni fino alle svariate associazioni o realtà con le quali abbiamo collaborato costruendo diversi percorsi  o realizzando progetti.

Particolare attenzione è stata posta sulla grande "responsabilità che in questo particolare momento ci deriva dal nostro stesso essere un’associazione di sinistra, laica e indipendente", e su come sia fondamentale fare in modo che i nostri valori e le nostre idee siano in grado di imporsi, perchè gli ultimi anni dimostrano come siano effettivamente vincenti.

  

Successivamente molti soci sono intervenuti, analizzando nel dettaglio alcune delle attività dell’ASU, da quelle ormai storiche come il Summer Student Festival, il Pulse, il Mondayscreen, fino a quelle che si stanno concretizzando nell’ultimo periodo, come i progetti legati al nascente gruppo di Genere e LGBTQI o al gruppo Ambiente.

Alcuni ospiti sono intervenuti portando esperienze o dando consigli, nell’ottica di riuscire ad individuare perlomeno l’inizio di quelle rotte che sappiamo ci dovranno accompagnare per almeno altri 30 anni.

Non è cosa facile oggi riuscire a determinare con precisione percorsi collettivi in grado di incidere e di adeguarsi ad una società in continuo mutamento, ma siamo ben consapevoli di come sia più che mai necessario.

Per questo la Presidente uscente ha ribadito come il cambiamento e il veloce ricambio generazionale che la nostra associazione vive siano in realtà il suo più grande punto di forza, oltre che condizione essenziale perché si possa dire che un’associazione come la nostra esiste e persegue i propri scopi. Perché il cambiamento è indice evidente della capacità di riuscire a creare percorsi in grado di travalicare l’identità stessa dell’associazione e di aprire spazi di azione più ampi.

Il direttivo dell’ASU negli ultimi due anni ha vissuto un rinnovamento che possiamo definire radicale. Come hanno ricordato nei loro saluti finali anche Davide Forlani, ex presidente, e Giovanni Zamponi, ex vice presidente, è proprio ciò che permette all’ASU di evolversi e soprattutto di cercare un approccio sempre nuovo al presente e alla società, anch’essi in continua evoluzione.

Durante l’assemblea è stato ribadito quanto fondamentale sia nella galassia di via Santa Sofia l’operato de Il Sindacato degli Studenti che, uscito vincitore dalle elezioni studentesche 2014, sta affrontando sempre meglio le grandi battaglie per difendere il diritto allo studio, all’accesso e al sapere di tutti gli studenti e le studentesse dell’Università.

In seguito, il tesoriere uscente Roberto Barattini ha presentato il bilancio dell’associazione, approvato all’unanimità dai soci: un altro elemento in grado di dimostrare la costante crescita dell’associazione e la sua capacità di ampliare la rete di soggetti con i quali si trova ad operare, costruendo sempre proficue sinergie.

La presidente uscente e molti interventi successivi hanno anche ribadito un ultimo, fondamentale concetto: l’importanza della contestazione, del confronto e della discussione costante, all’interno dell’associazione come sul piano cittadino.

Un’associazione come la nostra non deve mai rinunciare a mettere in discussione canoni e pratiche che possono sembrare consolidate, perchè nel continuo confronto e nel vaglio di una ri-discussione costante possono trovare una rinnovata legittimità.

La continuità negli intenti dell’associazione è emersa con chiarezza dal discorso della neo eletta presidente Teresa Ditadi: considerati il frangente storico che la nostra generazione si appresta ad attraversare, sia nel contesto cittadino sia in quello nazionale, è essenziale mantenere e rimarcare l'identità dell'ASU, in grado di contestare le istituzioni dai palazzi come dalla piazza. A tal proposito, la neo presidente ha citato un pensiero di Pietro Ingrao: "Così succede: sto dentro la misura e la rifiuto". È attraverso il conflitto infatti, inteso come contrapporsi di due posizioni, che è possibile creare. L'ASU ha ormai i presupposti per fare da collante tra le varie realtà cittadine, al fine di costruire un percorso collettivo capace di proporre un modello diverso per questa città.

Cogliamo infine l’occasione per ringraziare con un grande abbraccio Marina, che è riuscita in questi due anni a dare un nuovo slancio all’identità dell’Asu, consegnando un’associazione forte e pronta ad essere protagonista, e per fare un augurio enorme a Teresa, la nuova presidente, che saprà sicuramente indirizzare con decisione e capacità critica il futuro della nostra associazione.

COMPOSIZIONE DEL NUOVO DIRETTIVO:

Il nuovo direttivo è composto da: Roberto Barattini, Francesco Bertin, Annagiulia Canesso, Fabio Castellini, Anna Laura Cortinovis, Teresa Ditadi, Silvia Donà, Linda Gatto, Gabriele Gazzaneo, Federico Giacon, Davide Lorenzon, Gabriele Manca, Marina Molinari, Giada Pigatto, Riccardo Russo, Andrea Saggiorato, Elena Saggioro, Valentina Sestu, Mauro Zavattini.

La segreteria esecutiva è così composta:

Presidente: Teresa Ditadi

Vicepresidente: Valentina Sestu

Tesoriere: Giada Pigatto   

Responsabile sede: Silvia Donà

Responsabile comunicazione: Mauro Zavattini

direttivo2015 1

EU e-Privacy Directive

Questo sito utilizza cookies per la sua funzionalità. Utilizzandolo accetti che vengano scaricati sul tuo apparecchio.

Leggi la privacy policy

Leggi la direttiva europea sulla e-privacy

Hai rifiutato i Cookie. Questa decisione può essere cambiata.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.